Recent News
    Quali sono i migliori tipi di legno per fare mobili?

    Sul mercato sono disponibili diversi tipi di legno per mobili, che si distinguono per innumerevoli caratteristiche quali ad esempio durezza, colore, densità, grana e finitura. Scegliere il legno giusto per i mobili è fondamentale in quanto aiuta a determinare il prezzo esatto di acquisto. La conoscenza del materiale sarà un fattore decisivo anche nel caso di futuro restauro, rivendita o sostituzione. Ecco perché è necessario sceglierlo con attenzione.

    La durezza è uno dei modi più semplici per distinguere il legno utilizzato per i mobili. In termini botanici, il legno duro proviene da alberi in fiore, come acero, quercia e noce mentre il legno tenero proviene da conifere.

     

    Legno duro

     

    Gli alberi da cui si estrapola il legno duro perdono le foglie ogni anno. Di conseguenza, il legno ha fibre più dense che crescono più lentamente. Questa maggiore densità delle fibre comporta una maggiore pesantezza e durabilità, ma allo stesso tempo anche un costo più elevato. Tra quelli più popolari troviamo il Mogano, molto apprezzato per la sua bellezza, durata e colore, anche se quest’ultimo si scurisce nel tempo. Poi il noce, il quale è molto diffuso negli Stati Uniti per la sua stabilità dimensionale, la resistenza agli urti e la ricca colorazione. I frassini, il cui legno è liscio al tatto, durevole, resistente e flessibile. Ha eccellenti proprietà di chiodatura, tenuta della vite e incollaggio e queste proprietà lo rendono facilmente lavorabile dai falegnami. Anche il legno d'acero è molto utilizzato per la robustezza e resistenza alla spaccatura. Ha il vantaggio di poter essere pulito con un panno umido, il che lo rende ideale per i mobili della cucina. Infine, il legno di ciliegio, che ha colori intensi, venature lisce e flessibilità, il che lo rende una scelta popolare per i produttori di mobili. Inoltre, cuoce facilmente a vapore, rendendolo ideale per l'uso in design curvi.

     

    Legno tenero

     

    Il legno tenero proviene dalle gimnosperme, che sono alberi sempreverdi portatori di semi come pino, abete rosso, abete, cedro, ginepro, sequoia e tasso. Poiché la maggior parte degli alberi sempreverdi tende ad essere meno densi degli alberi decidui, è più facile tagliarli. Crescono anche alti e dritti, rendendo più facile tagliare assi di legno lunghe e dritte. Il legno tenero è comunemente usato in materiale da costruzione come telai strutturali, rivestimenti di pareti esterne ed interne, raccordi, rivestimenti per pavimenti, casseforme e impalcature, tra gli altri. Trova impiego anche nell'industria della carta e del cartone. Tuttavia, la sua struttura fine e leggera lo rende il miglior legno per mobili. Tra quelli più popolari troviamo il legno dei pini. Questa è una delle specie legnose più pregiate. Il legno di pino orientale diventa giallo dorato se esposto alla luce solare nel tempo. Una volta asciugato correttamente, diventa relativamente stabile. Tuttavia, è abbastanza poroso. Pertanto, si avvolgerà se assorbe l'umidità eccessiva. È relativamente economico e facilmente reperibile. Un altro è il legno di abete bianco, il quale gira, pialla e modella bene. Ha eccellenti capacità di chiodatura e avvitamento. Tuttavia, è solo leggermente resistente alla decomposizione. Il legno di cedro rosso (noto anche come cedro rosso aromatico) è notevolmente resistente sia alla decomposizione che all'attacco degli insetti. È altamente aromatico e si spiana e modella facilmente. Tuttavia, ha solo proprietà di tenuta di viti e chiodi moderate.

     

    Quale tipo di legno è il migliore per i tuoi mobili?

     

    La risposta dipenderà da una varietà di fattori tra cui costo, durata, colore, spazio, applicazione, ecc. È anche essenziale sapere dove acquistare il legno per la realizzazione di mobili che si adatta al budget e alle esigenze del cliente.

     

    Pino

     

    Il pino è poco costoso, leggero e facilmente lavorabile. Viene spesso utilizzato per realizzare mobili rustici. Tuttavia, è soggetto a graffi e ammaccature.

     

    Quercia bianca

     

    La quercia bianca è bella, pesante, resistente e adatta per mobili da cucina. Ha un aspetto distintivo una volta terminato. È anche resistente alla deformazione.

     

    Acero

     

    Essendo uno dei più duri, l’acero è adatto per oggetti di uso intenso come cassettiere e mobili da cucina. Può essere colorato per imitare un legno costoso.

     

    Noce

     

    La noce è estremamente bella. Può resistere a intagli molto complessi. Ecco perché viene spesso utilizzato per realizzare testiere, tavoli da pranzo decorati in stile antico e mensole del camino. La finitura ad olio è più che sufficiente per far risaltare il suo colore naturale.

     

    Ciliegia

     

    Il ciliegio è probabilmente il miglior legno per mobili da interni, come sedie e tavoli intagliati. È altamente durevole e resistente al decadimento e alle abrasioni. È un grande legno a tutto tondo. Tuttavia, è costoso.

    Per concludere, a seconda della durezza del legno, esso presenterà diverse qualità, percepibili a livello sensoriale, che determineranno la scelta sulla tipologia di mobile da acquistare. Le caratteristiche esplicite come l’aspetto, la rugosità, la regolarità della superficie o il colore, combinate alle caratteristiche implicite quali durezza, elasticità, tenacità o durata, saranno i fattori da considerare nella scelta del legno, a seconda dell’applicazione cui esso è destinato.

    News Reporter
    Sono uno scrittore a cui non piace molto scrivere. Il mio blog, questo blog, condivide i miei pensieri e le mie esperienze con il mondo.